LE DUE FACCE DEL COPY… CHE IN REALTA’ NON ESISTONO

Prendo spunto per fare questo articolo da un interessante domanda che mi è stata fatta su Facebook da Flavio che diceva (riassumo il concetto):

“Davide, vedo che il Copy lo si può utilizzare in tante realtà, ma non mi è chiaro se sono tecniche da usare nel funnel e nei materiali scritti oppure in trattativa. Puoi specificarlo in un tuo prossimo aricolo?”

copyfunnel

Ora, la domanda è sicuramente lecita e ringrazio Flavio per avermela posta, tuttavia c’è una mancanza di comprensione di fondo di quello che è veramente il copy.

Sicuramente per colpa mia, credo di non aver reso questo concetto sufficientemente chiaro.

Quindi per scusarmi ora analizziamo questa cosa nel dettaglio.

“E’ vero che esistono 2 tipi di copy da usare a seconda delle situazioni?”

NO.

Non è vero.

Il Copy è uno solo.

Il copy è l’arte dello scrivere per vendere, ma più in generale DEL COMUNICARE PER VENDERE.

E in quanto tale è utilizzabile sia in trattativa che per scrivere post e articoli.

In entrambi i casi stiamo vendendo qualcosa: che sia un prodotto, una consulenza, la nostra idea, oppure un nostro progetto la cosa non cambia minimamente.

Non esiste il copy per scrivere e il copy da usare dal vivo.

Sono solo due facce della stessa medaglia.

Il Copy non è altro che un insieme di stratagemmi e “trucchetti” che agiscono sulla mente del lettore e lo spingono a fare ciò che viene richiesto (nel sui miglior interesse)

Sia chiaro, non si tratta di manipolazione nella sua accezione negativa, se scrivo come CTA (call to action->l’azione che deve fare il lettore) finale quella di suicidarsi, di picchiare qualcuno o di farmi un bonifico :p non otterrò nessun effetto

LA SUA POTENZA STA PER LO PIÙ NEL PREVEDERE E ANTICIPARE CIÒ CHE IL LETTORE/INTERLOCUTORE STA PER PENSARE.

Condurlo in un percorso logico sensato che come conclusione ha quell’azione che vogliamo noi. (In genere un contattami/compra qui/vai sul sito….

A te sembra che a seconda dei casi ci siano delle versioni diverse del copy, ma di fatto non è così

È normale pensarlo all’inizio, quando ancora non si ha abbastanza dimestichezza e sufficiente capacità critica per adattarlo ai vari contesti

Ma di base il copy è uno, e una volta che lo si conosce in maniera approfondita lo si può calare nei diversi contesti.

Il copy è nato appunto per vendere qualcosa tramite un testo scritto (per questo devi inserirlo nel tuo funnel), ma è utilizzabile anche dal vivo in quanto un acquirente usa lo stesso procedimento per acquistare.

Quindi di fatto i modi per bypassare i blocchi mentali del cliente sono sempre gli stessi.

Una buona lettura che vi consiglio a riguardo è il libro di Cialdini, “Le armi della persuasione”, che tratta proprio di come il nostro cervello abbia dei deficit per cui è facile ingannarlo,se sai come fare.

Cialdini è stato uno dei primi psicologi a condurre ricerche analizzando i meccanismi di acquisto e di vendita, soffermandosi proprio sugli aspetti che permettono di bypassare i blocchi mentali dell’interlocutore.

E da li sono state gettate le basi dello scrivere per vendere, il quale usa appunto tecniche che puoi usare anche in trattativa.

Per questo una buona conoscenza del copy ti serve anche se non scrivi mai.

Devi assolutamente imparare a padroneggiare il copy per essere più efficiente anche in trattativa, e nella vita di tutti i giorni.

Se il copy ti insegna ad usare la leva della scarsità, questa la puoi utilizzare sia nello scritto che in trattativa.

E lo stesso vale per la “riprova sociale”, “l’urgenza”, “la mission”, “la singola cosa”, “la speranza”, “la specificità”, “la curiosità”, il fatto di mostrare sempre i benefici e non le caratteristiche…. E avanti così, ce ne sono un infinità di tecniche per vendere con il copy.

E tutte si adattano perfettamente sia allo scritto che alla trattativa condotta di persona.

Ovviamente occorre un po’ di pratica per capire come adattare lo stesso principio nei vari contesti.

È ovvio che non le utilizzerò nello stesso identico modo, ma con un po’ di capacità critica non sarà difficile usarle a proprio vantaggio nelle varie circostanze

E con il tempo, lo studio e la pratica verrà naturale.

Diventerai un vero asso nella vendita che sia per iscritto o dal vivo.

Perché saprai perfettamente che carte giocarti in ogni momento

Vedendo la cosa da un punto di vista più ampio, le fasi che si imparano a gestire attraverso il copy (che poi ti servono per vendere) sono:

• Ti faccio capire che hai un problema
• Ti dico cosa ti può succedere (di brutto) se non lo risolvi
• Ti presento la mia soluzione
• Ti mostro le prove che funziona
• Chiamami e sarà la cosa migliore che potevi scegliere

Non c’è nulla di impossibile.

Sono le fasi di una trattativa che si imparano a sviscerare con il Copywriting.

Ponendole bene al prospect, in ordine logico, facendogli capire la gravità del problema che ha, e che noi possiamo risolverglielo, sarà lui in automatico ad implorarci che vuole la nostra soluzione.

Quasi non dobbiamo nemmeno focalizzarci sulla vendita in se.

Perché una volta che ti focalizzi su tutte queste fasi e le argomenti come si deve, adattandole alle necessità dell’interlocutore, poi sarà lui a voler comprare a tutti i costi.

Prova e vedrai le differenze.

Al copy del tuo Funnel che funziona

Davide Recchia

P.S. Scaricati la Checklist CopyFunnel e migliora da subito il tuo copy prestando attenzione ai 109 punti di copy che non devi tralasciare! Buone conversioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *